CODICE ETICO  e  COMPORTAMENTALE 

                       Associazione di Volontariato  “MANO AMICA Onlus “           

                                     Via Castello nr. 12      BARZANO’     

 

I^  PARTE  - CODICE ETICO

PREMESSA

Il codice etico della Associazione di Volontariato “MANO AMICA Onlus” nasce dalla esigenza di fissare dei criteri etici di riferimento per tutti i volontari perchè si possa conoscere, comprendere, condividere i valori ed i principi fondamentali su cui l’associazione si fonda.                                                                   

 

COS’E’ IL CODICE ETICO      

Valore primario della Associazione è l’osservanza dell’etica, intesa come onestà, lealtà, correttezza,  che permette alla Associazione Mano Amica di conservare il patrimonio di affidabilità e di credibilità conquistato nel tempo.

Il presente codice etico è un insieme di principi-guida che devono ispirare i comportamenti di tutti i soggetti volontari che a vario titolo contribuiscono alla missione di Mano Amica Onlus.

Il codice etico è quindi uno strumento di riferimento e di indirizzo che precisa diritti, doveri e responsabilità di tutti coloro che operano nell’ambito della Associazione, integrando quanto non è esplicitato nello Statuto della Associazione stessa.

 

R I S P E T T O

Il rispetto reciproco è fondamentale, anche verso coloro che la pensano diversamente da noi.  Si deve rispetto alle persone con le quali si entra in contatto, senza distinzione di età, religione, razza, ideologia.  Si deve rispetto anche nell’uso delle strutture, delle attrezzature, nell’amministrazione dei beni della Associazione, in particolare nell’utilizzo delle autovetture esclusivamente per i servizi programmati dalla associazione nella consapevolezza che sono stati faticosamente acquistati.

Rispetto significa anche riservatezza nei rapporti con le persone che richiedono i servizi della associazione.

 

 

TUTELA DELLE INFORMAZIONI

Tutti i componenti della associazione (consiglieri-volontari-collaboratori) devono garantire la corretta utilizzazione delle informazioni personali e della associazione a cui hanno accesso, nel rispetto delle leggi sulla privacy e della dignità delle persone.

 

G R A T U I T A’

Ogni volontario offre il proprio tempo ed il proprio impegno gratuitamente senza ricevere alcun tipo di vantaggio personale anche indiretto; non accetta regali o favori se non di modico valore.

 

TRASPARENZA

L’associazione Mano Amica onlus garantisce a ciascuno dei soggetti, che a vario titolo si rapportanno con l’associazione, l’accesso, mediante adeguati sistemi di informazione e comunicazione, ad ogni settore della sua attività, permettendo anche di conoscere i processi decisionali.

Le risorse finanziarie necessarie al funzionamento dell’associazione devono essere reperite in maniera trasparente secondo l’interesse esclusivo dell’Associazione e mai a vantaggio personale o di terzi.  Tutte le risorse devono essere utilizzate secondo il criterio della buona gestione per i fini conformi a quelli indicati nello statuto e propri della missione della Associazione.   Con il bilancio annuale Mano Amica onlus rende noto l’utilizzo dei finanziamenti destinati alle attività dell’associazione attraverso le scritture contabili che devono rappresentare fedelmente la situazione patrimoniale/finanziaria e l’attività di gestione.

 

 

II^ PARTE  -CODICE DI COMPORTAMENTO dei VOLONTARI

Il codice di comportamento è stato redatto in una sorta di decalogo,  con le parole dei  10 punti composte dalla parola “azione” per sottolineare con forza la concretezza del nostro agire:

1)MOTIV-AZIONE: Il volontario è motivato, aderisce alla missione della associazione e ne condivide i valori con passione ed entusiasmo.

2)DON-AZIONE: Il volontario ha uno stile di gratuità;  dona il proprio tempo gratuitamente e mette a disposizione le proprie competenze.

3)REPUT-AZIONE: il volontario rappresenta moralmente l’associazione Mano Amica onlus, e pertanto deve essere responsabile ed onesto.

 

4)PARTECIP-AZIONE: il volontario è parte integrante della associazione Mano Amica onlus e pertanto partecipa alla vita dell’associazione in modo attivo e propositivo. Dovrà comunicare al Presidente o al Vice-Presidente la sua impossibilità a continuare nei vari servizi per motivi di salute, per motivi di età o per altri motivi.

5)CONCRETIZZ-AZIONE: il volontario ha un approccio concreto e collaborativo.  Per necessità e chiarimenti sui trasporti si rivolgerà ai programmatori dei servizi di trasporto.  Per questioni di carattere generale si rivolgerà al Presidente della associazione o in sua assenza al vice-presidente.  Per problemi meccanici e di carrozzeria delle autovetture si rivolgerà al responsabile della manutenzione delle stesse e mai (salvo casi di estrema urgenza) direttamente all’officina meccanica. Il volontario autista curerà la corretta compilazione delle schede carburante e farà rifornimento presso il distributore segnalato;  alla fine dei servizi dovrà parcheggiare l’autovettura nel parcheggio previsto per le auto dell’ associazione, non trattenere in tasca chiavi di diverse auto ma depositarle in sede

6)COLLABOR-AZIONE: il volontario agisce rispettando gli altri, con spirito di gruppo e di aiuto reciproco. Deve avere rispetto delle attrezzature della sede associativa e della autovetture di proprietà della associazione, impegnandosi all’utilizzo solo ed esclusivamente per i servizi della associazione e mai per uso personale.

7)CONVERS-AZIONE: Il volontario dialoga con le persone che incontra e che trasporta verso le varie strutture, saluta magari con un sorriso sulle labbra; non deve mai dare e chiedere  informazioni di tipo sanitario.

8)INNOV-AZIONE: il volontario opera con creatività, cerca e sottopone eventuali nuove soluzioni ai problemi associativi.

9)TRASFORM-AZIONE: il volontario è pronto a mettersi in gioco, a cambiare sè stesso nel proprio agire quotidiano.

10)COMUNIC-AZIONE: il volontario testimonia il proprio impegno raccontando agli altri la propria esperienza e le proprie emozioni. Non si presenta in modo anonimo ma offre la garanzia che alle sue spalle c’è un’Organizzazione riconosciuta dalle leggi dello Stato. Se il volontario non condivide il presente codice etico-comportamentale dovrà comunicarlo ai componenti il Comitato Etico  costituito dal presidente, dal vice-presidente, dal segretario, dal tesoriere.